Progetto di ricerca e sperimentazione di un sistema integrato di servizi nell'ambito della continuità assistenziale a soggetti affetti da Alzheimer e loro familiari

Il Progetto UP-TECH

Il progetto di ricerca “UP-TECH” (Sperimentazione di un sistema integrato di servizi nell'ambito della continuità assistenziale - Il supporto delle nuove tecnologie nella dimissione protetta del paziente anziano con Alzheimer), di cui la Regione Marche è titolare in collaborazione con l'INRCA, è un progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali a valere sulle risorse del Fondo Nazionale per le Non Autosufficienze del 2010 che mira ad innovare l’intervento assistenziale nel caso di patologie neuro-degenerative, quali la malattia di Alzheimer.

Il progetto consiste nell’applicazione di metodologie e tecnologie innovative volte a migliorare l’efficacia e l’efficienza dei processi assistenziali per l’anziano affetto da Malattia di Alzheimer e di conseguenza le condizioni di vita del suo caregiver.

Il progetto ha come oggetto di intervento primario i caregiver che a causa dello stress e del burden quotidiano collegato alle attività di assistenza dei propri familiari, sono esposti ad un elevato rischio di eventi sociali e sanitari avversi. Il progetto non mira alla gestione di una specifica patologia, ma a supportare le persone in chiave olistica, tenendo in considerazione sia i bisogni di tipo sanitario che sociale-relazionale.

Il progetto è stato registrato al sito ClinicalTrials.gov (UP-TECH trial)

Un articolo che descrive il protocollo del progetto è stato pubblicato sul giornale internazionale Trials (Chiatti et al 2013).