Progetto di ricerca e sperimentazione di un sistema integrato di servizi nell'ambito della continuità assistenziale a soggetti affetti da Alzheimer e loro familiari

Il disegno della ricerca

Il progetto UP-TECH consiste nell’applicazione di metodologie e tecnologie innovative volte a migliorare l’efficacia e l’efficienza dei processi assistenziali per l’anziano affetto da demenze di tipo Alzheimer e, di riflesso, le condizioni di vita del suo caregiver.

Obiettivi della ricerca Up-Tech
Obiettivi principali - Migliorare la qualità di vita dei caregiver familiari di persone affette da Malattia di Alzheimer;
- Promuovere la permanenza a domicilio delle persone affette da malattia di Alzheimer.         
 Obiettivi secondari - Definire il profilo assistenziale complessivo e le modalità di accesso alle prestazioni sociali e sanitarie per il paziente e il suo caregiver;
- Garantire la continuità dell'assistenza e l'integrazione dei percorsi di cura;
- Creazione di un sistema informativo di governo e gestionale specifico per la malattia di Alzheimer;
- Valutare il consumo delle risorse socio-sanitarie da parte dei pazienti con Alzheimer.

Il disegno sperimentale

Lo studio è un trial randomizzato su una diade paziente (affetto da Malattia di Alzheimer) – caregiver familiare che prevede un intervento sperimentale della durata di 12 mesi. Le diadi sono state randomizzate in tre gruppi:

  1. Gruppo "Protocollo UP": pazienti-caregiver presi in carico da parte di un Case manager Assistente sociale e riceventi 3 visite domiciliari da parte di un Infermiere (n=150).
  2. Gruppo "Protocollo UP-TECH": pazienti-caregiver presi in carico da parte di un Case manager Assistente sociale e riceventi un intervento di tecnologia assistiva individuata dal Case manager e dal caregiver  più 3 visite domiciliari da parte di un Infermiere (n=150).
  3. Gruppo di controllo: pazienti-caregiver che mantengono l’assistenza abitualmente ricevuta, ricevendo un supporto “leggero” addizionale sotto forma di materiale informativo cartaceo e 3 visite domiciliari da parte di un Infermiere (n=150).

Il campione dello studio

Le diadi sono state reclutate in 5 Aree Vaste/Ambiti Territoriali Sociali della Regione Marche:

  • Distretto Sanitario Pesaro / Ambito Territoriale Sociale 1 di Pesaro;
  • Distretto Sanitario Ancona Centro / Ambito Territoriale Sociale 11 di Ancona;
  • Distretto Sanitario Macerata / Ambito Territoriale Sociale 15 di Macerata;
  • Distretto Sanitario Fermo / Ambito Territoriale Sociale 19 di Fermo;
  • Distretto Sanitario San Benedetto / Ambito Territoriale Sociale 21 di San Benedetto.